Tavolino selvaggio: dopp'arrubbato, 'e pporte 'e fierro

L'offensiva scatenata dal Comune contro "tavolino selvaggio" appare tardiva perchè sono anni che l'Amministrazione Comunale non ha mosso un dito contro l'espropriazione sistematica di aree urbane da parte di gestori di pubblici esercizi mai sazi di ampliare le superfici disponibili per le proprie attività commerciali.  "dopp'arrubbato, 'e pporte 'e fierro..." recita l'adagio popolare a conferma del significato di un provvedimento che sta facendo parlare di sè, nascondendo però la verità sugli anni (e anche sui relativi interessi) nei quali non si è mosso un dito per contrastare il fenomeno.

Anzi si è preferito volgere altrove lo sguardo, lasciare che ognuno facesse i propri comodi e non chiedere conto, a chi nè ha facoltà e obbligo di controllo, sulle ragioni di tanta inspiegabile tolleranza che ha consentito l'exploit di tavolino selvaggio. Ma a dirla tutta non si tratta soltanto di tavolini che occupano interi marciapiedi e aree di pubblico transito urbano! I controlli con relativi verbali devono riguardare non solo i pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, etc..) ma anche le altre attività commerciali che di fatto si sono impadronite, da anni e in modo abusivo, di ampie aree pubbliche "sine titulo". 
E già che ci troviamo perchè non parliamo dell'insopportabile puzza di cucinato che trasuda da ogni angolo della Città a tutte le ore del giorno? E' pur vero che il nuovo totem socio-economico di territori come quello sorrentino è rappresentato dall'offerta gastronomica, ma anche qui il troppo guasta e occorre fare i conti con un'amplificazione abnorme dell'offerta e per di più in contesti nei quali è materialmente impossibile garantire il rispetto delle normative grazie alle quali la Città non si trasforma tutta quanta in una cucina a cielo aperto! Oggi invece il nostro olfatto e quello dei turisti è letteralmente sopraffatto da una miscela esplosiva di gas automobilistici e di cibo cucinato... Altro che profumi ai fiori d'aranci e limoni...Quelli se li conservano per i filmati promozionali nei quali, ahimè ma ancora per poco, gli odori ancora non si possono percepire!

(N.B: Le foto a corredo del post hanno soltanto un carattere rappresentativo del fenomeno occupazione suolo pubblico).

Commenti

Post popolari in questo blog

Marco Fiorentino: il Conservatorio "S.M. delle Grazie" non può diventare un albergo!

Dal 1° Ottobre attivo il servizio aliscafi di Alilauro Gruson con partenza dal porto di Piano di Sorrento

La domenica infernale imposta ai Sorrentini da Mario Gargiulo&compagni