Meno show e più fatti, Sorrento non può languire così!

Sorrento sempre più al centro di cronache che ne ledono l'immagine vanificando gli sforzi di chi ancora si prodiga per mantenere alto il buon nome della Città. Detto fuor dai denti in questo esercizio non primeggia assolutamente l'Amministrazione cittadina. L'oscuro episodio della scorsa notte con l'incendio appiccato alla saracinesca di un esercizio commerciale la cui origine è stata considerata dolosa è un vero e proprio schiaffo in faccia a Sorrento per un episodio sicuramente inusuale per questa Città e per l'intera Penisola Sorrentina.

L'auspicio è che gli inquirenti facciano al più presto luce su quanto accaduto in modo da dissipare qualsiasi dubbio e non lasciare ombre sulla Città che sicuramente non è in condizione di scoprirsi esposta a fenomeni ritorsivi che certamente non conosce. L'altro giorno c'è stato l'ennesimo episodio del crollo di un albero in Piazza Lauro, in quella che era stata ideata e progettata per essere un giardino d'eccellenza nel cuore di Sorrento e che, per l'incuria di cui è vittima, si sta trasformando nel cimitero delle piante e degli alberi. 

Ciò, nonostante le centinaia e centinaia di migliaia di euro che l'Amministrazione spende per il verde cittadino. Il traffico e la sempre più scarsa sicurezza stradale sono infine una piaga che sta producendo danni devastanti a Sorrento e che, nonostante i goffi tentativi posti in essere per affrontare il problema, resta l'emergenza numero uno sia per i Cittadini sia per i Turisti che ormai percepiscono in modo evidente il degrado generale di questa Città che, nonostante, tutto conserva il suo potere attrattivo, quasi ultima risorsa su cui poter contare. La lotta per il recupero degli spazi pubblici classificata come lotta a tavolino selvaggio sta dimostrando come il lassismo di tanti anni ha prodotto guasti difficilmente riparabili in tempi brevi. Ci sono da recuperare alla Città i suoi spazi vitali, ma l'impresa è ardua, complessa, presenta incognite anche per quanto concerne la legittimità di certi provvedimenti amministrativi. 

Per questo occorre convincersi che la politica non deve mai perdere il controllo del gioco perchè tornare in dietro e recuperare il terreno perduto, oltre a essere complicato, è anche assai oneroso. 
Meno show, quindi, e più fatti, ma quelli seri!

Commenti

Post popolari in questo blog

Marco Fiorentino: il Conservatorio "S.M. delle Grazie" non può diventare un albergo!

Dal 1° Ottobre attivo il servizio aliscafi di Alilauro Gruson con partenza dal porto di Piano di Sorrento

La domenica infernale imposta ai Sorrentini da Mario Gargiulo&compagni