Coordinamento per la salvaguardia dei "beni comuni": una precisazione di Marco Fiorentino

La notizia della nascita di un coordinamento del mondo associazionistico sorrentino per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'uso improprio dei beni comuni della Città da parte dell'Amministrazione è stata favorevolmente accolta dai Cittadini, ma nello stesso tempo ha suscitato anche qualche reazione scomposta e soprattutto evidentemente ispirata da chi questa politica la pratica. Tra i principali obiettivi c'è stato Marco Fiorentino, ex sindaco e attuale consigliere comunale di minoranza nonchè presidente della Commissione Trasparenza, cui abbiamo chiesto un'opinione su quali possono essere state le ragioni di questi attacchi alla sua persona.


"Su un blog ho letto un articolo sull’iniziativa spontanea assunta da alcune associazioni di Sorrento di dar vita a una specie di coordinamento per svolgere azioni di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle modalità di gestione dei beni pubblici nella nostra Città da parte dell’Amministrazione" ha precisato Fiorentino.
"I promotori di quello che è stato definito addirittura un “manifesto” hanno ritenuto di invitarmi, probabilmente in virtù delle iniziative che come consigliere comunale sto portando avanti su alcuni temi di interesse generale, fra cui la tutela del Conservatorio Santa Maria delle Grazie da una paventata trasformazione in una struttura ricettiva turistica da parte di privati e altre iniziative come per esempio il recupero e la salvaguardia della Regina Giovanna.
L’attenzione su queste mie iniziative è stata sempre alta, così come pure il consenso dimostratomi dalla Città per l’azione svolta a difesa del suo patrimonio. Per questo ho ritenuto fosse mio dovere rispondere a questo invito che non è, come invece qualcuno vuol far credere, la nascita di un movimento politico trasversale. Piuttosto l’incontro tra differenti realtà socio-culturali e sensibilità politiche su un tema condiviso e per il quale ciascuno può dare un utile contributo nell’interesse della Città e dei Sorrentini.
Respingo perciò al mittente l’intento chiaramente strumentale e ignobilmente speculativo dell’autore dell’articolo che ha voluto semplicemente distrarre l’opinione pubblica dai contenuti di questa iniziativa per “gettarla” in politica mettendo in atto anche un’aggressione personale nei miei confronti che non ha alcuna ragion d’essere".

Commenti

Post popolari in questo blog

Marco Fiorentino: il Conservatorio "S.M. delle Grazie" non può diventare un albergo!

Dal 1° Ottobre attivo il servizio aliscafi di Alilauro Gruson con partenza dal porto di Piano di Sorrento

La domenica infernale imposta ai Sorrentini da Mario Gargiulo&compagni