Sorrento si ribella...Non è solo indignazione civica, ma voglia di cambiare!

La Città di Sorrento sembra finalmente scossa da un fremito...forse di più: da una reazione emotiva, anzi di ribellione avverso un sistema di governo accusato di aver messo letteralmente le "mani sulla città"...E la Città o, meglio, le sue espressioni civiche e culturali non allineate si sono riunite in nome di questo credo dichiarandosi pronte a contrastare ogni abuso e ogni appropriazione indebita dei beni comuni, dei beni di tutti. Un obiettivo che unisce e che va anche al di là delle diverse opinioni e tendenze politiche: la difesa delle proprietà dei Cittadini è, di per sè, un collante sufficientemente forte per alzare una barriera che diventa una bandiera in grado di divedere le forze in campo.

E' ancora presto per le prossime elezioni amministrative, anche se il tentativo del Sindaco Giuseppe Cuomo di farsi eleggere al Parlamento potrebbe far precipitare gli eventi anticipando il ritorno alle urne. Allora leggiamocelo questo manifesto delle Associazioni cui ha aderito anche il Gruppo Consiliare di Marco Fiorentino che su questo fronte ha ingaggiato un corpo a corpo con l'Amministrazione-Cuomo, politicamente rafforzandosi, oggi, con l'adesione del Movimento 5 Stelle Meet up Sorrento anch'esso impegnato a passare ai raggi X l'operato della maggioranza e di società connesse.

MANIFESTO ALLA CITTA' DI SORRENTO

"Noi crediamo che la nostra Città sia prossima al punto di non ritorno. La gestione amministrativa sta collassando e l'interesse privato sembra ormai definitivamente prevalere su quello pubblico. L'utilizzo privato del bene pubblico, ripetuto, continuo e ricorrente è divenuto comportamento costante dell'Amministrazione cittadina che persevera, senza ostacoli, nel disporre di beni e servizi che pur avendo finalità comuni, sono a vantaggio di pochi. La Città di Sorrento richiede buona amministrazione, programmazione e ridistribuzione delle non poche risorse economiche disponibili: in sostanza di una proposta di sviluppo organica e "ragionata" di vivibilità, cultura, reale ospitalità per restituire ai Sorrentini il piacere di definirsi, ancora, cittadini e non ospiti di quella che è stata e potrebbe tornare ad essere una tra le più belle cittadine del mondo. In dietro, purtroppo, non si torna ma in avanti si può andare. Condividendo questo iniziale spunto ci siamo incontrati e ne abbiamo discusso. Il ripristino della legalità è stato il punto di sintesi del nostro ragionamento per cui riteniamo che sia giunto il momento di far sentire con forza la voce dei cittadini. E' opportuno far sentire la propria vice, proporsi sul territorio, informare i cittadini e incalzare, con sistematicità un'Amministrazione che confonde il pubblico con il privato. Il Vallone dei Mulini deve tornare in proprietà comunale; il Conservatorio Santa Maria delle Grazie non può essere trasformato in ostello; il collegamento parcheggio Lauro-Porto deve essere realizzato dal Comune; il Giardino di Via Rota deve essere acquisito al patrimonio comunale e destinato a parco pubblico; il comprensorio di Punta Capo non può morire come la Pineta delle Tore; come il Parco del Museo Correale. Il nostro è, quindi, un appello rivolto al senso civico dei Cittadini di fronte all'uso distorto che viene fatto dei beni comuni nella Città di Sorrento ed alla coscienza di essere parte di una comunità che sente il bisogno di difendere i valori e la memoria di quei benefattori che hanno anteposto il benessere di tutti a quello dei singoli. L'idea dei promotori di questo Movimento è di verificare se di fronte alla compromissione di beni e servizi pubblici, c'è l'opportunità di aggregare persone che, superando le legittime appartenenze politico/ideologiche cui ciascuno aderisce, sentono di impegnarsi nella difesa di principi che attengono ai caratteri distintivi della società in cui viviamo e responsabilmente condividerli".

Enrico Aprea per I Cittadini contro le Mafie e la Corruzione
Giovanni Di Prisco per Sorrento Bene Comune
Antonio Maresca per Sorrento Tua
Gaetano Maresca  per La Riviera
Marco Fiorentino per il Gruppo Consiliare
Luciano Russo e Carlo Milardi per l'Associazione Esse 84
Rosario Lotito per il Meet Up Sorrento Amici di Peppe Grillo
Rosario Fiorentino per i Vas Sorrento

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal 1° Ottobre attivo il servizio aliscafi di Alilauro Gruson con partenza dal porto di Piano di Sorrento

La domenica infernale imposta ai Sorrentini da Mario Gargiulo&compagni